progetto per un asilo nido in via di Villa Troili a ROMA

PROGETTO PARTECIPANTE

© Gianluca Perosi Architetto

  • Servizi

INTRODUZIONE

L’ AREA OGGETTO DEL PROGRAMMA DI TRASFORMAZIONE URBANISTICA DENOMINATO VIA DI VILLA TROILI, RICADE ALL’INTERNO DEL GRANDE RACCORDO ANULARE, NELLA XVI° CIRCOSCRIZIONE DEL COMUNE DI ROMA E, PIU’ PRECISAMENTE, NELLA PORZIONE  DI TERRITORIO COMPRESO TRA LA STRADA CONSOLARE AURELIA, A NORD E LE VIE DI BRAVA E VIA DELLA PISANA, RISPETTIVAMENTE SUL LATO OVEST ED EST. L’ AMBITO D’ INTERVENTO ALL’INTERNO DI QUESTO COMPRENSORIO, E’ COMPRESO TRA VIA DELLA VIGNACCIA E VIA DI VILLA TROILI; LA TRASFORMAZIONE, CHE PREVEDE UN’ESTENSIONE DI CIRCA 16 ETTARI, INSISTE SU UN’AREA COSTITUITA DA UNA ZONA A DEBOLE PENDENZA IN DIREZIONE NORD-OVEST E  COLLOCATA AD UNA QUOTA ALTIMETRICA MEDIA DI 72 METRI SUL LIVELLO DEL MARE. LA MORFOLOGIA DEL TERRENO E’ QUELLA TIPICA DEL SETTORE OCCIDENTALE DELLA CITTA’ DI ROMA, CARATTERIZZATA DA UNA SUCCESSIONE DI BASSE COLLINE AD ANDAMENTO CLIVOMETRICO MOLTO DOLCE, ALTERNATO AD AMPIE VALLI SCARSAMENTE INCISE CHE NEL COMPLESSO DETERMINANO UNA CONTINUITA’ DI BLANDE ONDULAZIONI DEL TERRENO. SOLAMENTE NEL SETTORE MERIDIONALE E SETTENTRIONALE DEL LOTTO, INSISTE UNA PENDENZA CHE ARRIVA ANCHE FINO AL 45 %. LA NUOVA VIABILITA’ LOCALE DI PROGETTO, INFATTI, SI INSERISCE NELLA ZONA CENTRALE DELL’AREA, QUELLA PIU’ PIANEGGIANTE E METTE IN COMUNICAZIONE LE DUE STRADE PRIMARIE DI QUARTIERE SERVENDO DIRETTAMENTE L’AREA S DI PROGETTO, DESTINATA AL FUTURO ASILO NIDO DI QUARTIERE, DECONGESTIONANDO L’ INCROCIO ESISTENTE DI VIA DELLA VIGNACCIA E VIA DI VILLA TROILI. IN QUEST’ AREA, CHE PRESENTA UNA FORTE COMPONENTE AMBIENTALE, VERRA’ REALIZZATO UN MIX FUNZIONALE INTEGRATO, CON 19000 MQ DI RESIDENZIALE E CIRCA 2000 MQ DI COMMERCIALE ED UFFICI. SARA’ PREVISTO UN NUOVO PARCO PUBBLICO, CON UNA NUOVA PISTA CICLOPEDONALE, UN’ AREA ADIBITA A GIOCO PER BAMBINI E DUE PARCHEGGI PERTINENZIALI PUBBLICI CHE AFFIANCHERANNO L’ AREA S DI PROGETTO,  IL LOTTO ENTRO IL QUALE DOVRA’ SORGERE IL NUOVO ASILO NIDO PER 60 BAMBINI, OGGETTO DEL PRESENTE CONCORSO DI IDEE.

PROGETTO

IL PROGETTO PER IL NUOVO ASILO NIDO, CERCA DI RISPONDERE A TUTTI I VINCOLI IMPOSTI DAL DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE, GARANTENDO UN’ IDENTITA’ SPAZIALE ATTRAVERSO LA COMPOSIZIONE DI VOLUMI SEMPLICI SOTTO LA LUCE, ATTRAVERSO UN’ USO RAGIONATO DEL COLORE PER FUNZIONI INTERNE E UN’ UTILIZZO CONSAPEVOLE DEL MATERIALE PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLA QUALITA’ ARCHITETTONICA E DELLA SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE. LA “ROTONDA”, NELL’ ALLEGATO TECNICO n° 1, SI E’ PRESENTATA SUBITO COME UN SEGNO CHE NECESSARIAMENTE DOVEVA ESSERE LASCIATO… INDAGATO! IL SEGNO GEOMETRICO DI UNA CIRCONFERENZA E’ IL SEGNO ESPLICITO E SEMPLICE DI UNA NATURA MOLTO PIU’ COMPLESSA, QUELLA UMANA, CHE CI RENDE UNICI E DIVERSI, DIFFICILMENTE QUANTIFICABILI AL MICROSCOPIO. LA SEZIONE, CUORE PULSANTE DELL’ ASILO PERCHE’ NE RACCHIUDE LE FUNZIONI PIU’ IMPORTANTI PER LA CRESCITA DEL BAMBINO, E’ CONCEPITA, COME UNA CELLULA UMANA. QUESTA CELLULA ABITATIVA, DISCRETIZZATA DA UNA GEOMETRIA SEMPLICE, DI FACILE RICONOSCIBILITA’ E FATTIBILITA’ COSTRUTTIVA, HA CARATTERI  TRONCO-CONICI E AL SUO INTERNO LA ZONA DEL PRANZO E DEL SONNO, SCATURISCONO DA SEGNI CONCAVI E CONVESSI CHE SOTTRAGGONO SPAZIO ALLA ZONA ATTIVITA’ CON LA STESSA SEMPLICITA CON CUI LA ZONA PER L’ IGIENE SI INSERISCE TRA LE FUNZONI DEL MANGIARE E DEL DORMIRE, MA RIGOROSAMENTE FRONTALE ALLO SPAZIO PER IL GIOCO. TUTTO E’ A MISURA D’ UOMO… DI BAMBINO, CON LA SEMPLICE ROTAZIONE DELL’ OCCHIO UMANO TUTTO E’ A PORTATA DI MANO, TUTTO E’ SOTTO CONTROLLO. LA SEZIONE DEI MEDI SI DIFFERENZIA DA QUELLA DEI GRANDI(ROSA SHOKKING) PER IL  DIAMETRO ED IL COLORE, L’ ARANCIO, MENTRE LA SEZIONE DEI PICCOLI SI DIFFERENZIA DALLE PRIME DUE PER IL COLORE(GIALLO LIMONE) E PER LA GEOMETRIA, ANALOGA ALLE PRECEDENTI MA ROVESCIATA; QUI, I SETTI, TUTTI DELLO SPESSORE DI 30 CM, INVECE DI RASTREMARSI ALL’ INTERNO SI ALLARGANO VERSO L’ESTERNO, DENUNCIANDO UNA FUNZIONE SIMILARE MA DIVERSA. QUESTA SEZIONE E’ PER I PIU’ PICCOLI, MA GLI AMBIENTI SONO PROGETTATI PER LE EDUCATRICI CHE NE AVRANNO CURA, CON UNA SUDDIVISIONE DEGLI AMBIENTI ANALOGA MA CON L’ INSERIMENTO DI FUNZONI SPECIFICHE, COME LA CUCINA ATTREZZATA PER LA PREPARAZIONE DELLE PAPPE PER I BIMBI ED UN DEPOSITO PER I GIOCHI DI GRANDE UTILITA’ PER TUTTE LE SEZIONI DELL’ASILO. LE TRE CELLULE ABITATIVE, DIVERSE MA SIMILARI, COME LE CELLULE DI UN’ ORGANISMO UMANO VISTO AL MICROSCOPIO, SONO CARATTERIZZATE DA UNA STRUTTURA A SETTI IN C.A. AD ANDAMENTO CURVILINEO E SONO INGLOBATE DA UNA MEMBRANA IN C.A. DELLO SPESSORE DI 30 CM CHE DEFINISCE UNO SPAZIO FLUIDO, RIVOLTO ALLA SOCIALIZZAZIONE DEI BAMBINI. IL CENTRO DI QUESTO AMBIENTE, DEFINITO DA UN LUCERNARIO IN VETRO STRUTTURALE SORRETTO DA UNA STRUTTURA IN ACCIAIO CHE GARANTISCE LA MASSIMA ILLUMINAZIONE E LEGGEREZZA, VI E’ ALLOCATO LO SPAZIO PITTORICO E PLASTICO MANIPOLATIVO CHE DA QUALUNQUE POSIZIONE PUO’ ESSERE VISTO E RAGGIUNTO, DATA LA SUA CENTRALITA’. LE SEZIONI, COSTITUITE DA STRUTTURE INDIPENDENTI A SETTI E QUINDI NON PUNTIFORMI, NON RISPONDONO A CRITERI DI FLESSIBILITA’ PER UNA SCELTA PURAMENTE FORMALE, PER DOTARE L’ASILO DI QUESTO REQUISITO FUNZIONALE, E’ STATO PENSATO DI SOVRAPPORRE AI VOLUMI CURVI E SINUOSI DEL PRIMO SISTEMA COMPOSITIVO, UN SECONDO SISTEMA, DEFINITO DA UN VOLUME PARALLELEPIPEDO ALTO 5 METRI CON LATO DI 40 METRI, CARATTERIZZATO DA UNA MAGLIA STRUTTURALE IN C.A. CON INTERASSE DI 5 METRI. IL VOLUME, BASSO E BIANCO, SI INSERISCE COME UNA VERA E PROPRIA COPERTURA CON  PARTI AGGETTANTI CHE, INGLOBANDO IN PIANTA LE SEZIONI, DA ORIGINE A NORD-OVEST AD UNO SPAZIO PERIMETRALE FLESSIBILE, COSTITUITO DA UN SISTEMA DI PANNELLI DIVISORI MOBILI CON  OPPORTUNE GUIDE INSERITE A FILO DEL CONTROSOFFITTO E DELLA PAVIMENTAZIONE. I MODULI, CHIUSI, DANNO VITA AD AMBIENTI DI 25 MQ, CHE POSSONO OPPORTUNAMENTE ESSERE RIMODULATI A SECONDA DELLE NECESSITA’; QUI SI TROVA ALLOCATA LA STANZA DEL MEDICO E DEL PRONTO SOCCORSO, POSSIBILI AMBIENTI PER LA COSTITUZIONE DI UNA QUARTA SEZIONE, ZONE PER IL PRANZO COLLETTIVO DI PIU’ SEZIONI, LA POSSIBILITA’ DI ORGANIZZAZZIONE DI FESTE O RECITE APERTE AI FAMILIARI DEI BAMBINI OLTRE AD ESSERE UN CENTRO DI SICURA ACCOGLIENZA DEI GENITORI ED INFINE LO SPAZIO PER LE ATTIVITA’ DI MOVIMENTO, SITUATO AD OVEST. AD EST SI TROVANO GLI SPAZI PER LE EDUCATRICI E LA STANZA DEL DIRIGENTE DELL’ ASILO, CON I SERVIZI DIFFERENZIATI ED UNA SALA DI ATTESA PER I FAMILIARI; ADIACENTE A QUESTI SPAZI, E’ STATO CREATO UN VOLUME  CON UNA RAMPA INGLOBATA DELLA PENDENZA DELL’  8%: SALENDO GRADUALMENTE VERSO IL PARCO, ESSA TERMINA CON  UN’ AMPIA VETRATA PER PERMETTERE ALL’ OSSERVATORE DI AVERE UNA VEDUTA GENERALE DELLA PIAZZA ANTISTANTE E DEI BAMBINI. L’ AMBIENTE UNITARIO DELL’ ASILO NIDO, HA UN’ALTEZZA FISSA DI 4 METRI, TRANNE GLI AMBIENTI DEL PERSONALE E DEL DIRIGENTE, ALTI 3.20 METRI; IL PACCHETTO DELLA COPERTURA HA LO SPESSORE DEL METRO (CONTROSOFFITTO, SOLAIO E RIVESTIMENTO ESTERNO). GLI INFISSI SONO IN ALLUMINIO E VETROCAMERA, DI COLOR BISTRO; SOLO QUELLI A SUD MONTANO VETRI T.I.M. PER AUMENTARE L’EFFETTO SERRA ALL’ INTERNO DELLE ZONE PRANZO. TUTTE LE PAVIMENTAZIONI INTERNE, SONO REALIZZATE IN GRES PORCELLANATO DA INTERNI BIANCO, CON ELEMENTI COLORATI INSERITI A RANDOM NELLE SEZIONI, DELLO STESSO COLORE; LA ZONA DELLA PITTURA E L’AREA ESTERNA SOTTO AL PORTICO, E’ RIVESTITA CON MATERIALE IN GOMMA SINTETICA DI COLORE VERDE, PER ATTUTIRE LE CADUTE DEI BIMBI. SEMPRE AD EST E’ POSIZIONATO UN PORTALE , SEGNALATO DA UN ELEMENTO IN C.A. SAGOMATO A FORMA DI DISCOBOLO CHE RICHIAMA LA ROTONDA DELL’AREA GIOCHI ALL’INTERNO DEL PARCO PUBBLICO. IL PORTALE CON LA COPERTURA AGGETTANTE, E’ UN VERO E PROPRIO PORTICO IN C.A. CON UNA PIGMENTAZIONE VERDE, QUESTO ELEMENTO OLTRE AD INVITARE AD USCIRE PER RAGGIUNGERE L’ADIACENTE GIARDINO DIDATTICO ESTERNO DELL’ASILO, E’, NELLE GIORNATE DI PIOGGIA, UN CORTILE COPERTO PER FAR GIOCARE I BAMBINI. LA CIRCONFERENZA, TRASLATA, SOTTRAE MATERIA ALLA COPERTURA DELL’ ASILO, BUCANDOLA E ASSEGNANDO AL PORTALE ANCHE LA FUNZIONE DI RACCOGLITORE DELLE ACQUE METEORICHE; INFATTI E’ PROPRIO QUI CHE PASSA BUONA PARTE DELL’ ACQUA PIOVANA RACCOLTA (1/3 DELLA COPERTURA(400000 LITRI CIRCA)), LA RESTANTE PARTE RAGGIUNGE LE VASCHE DI RACCOLTA, INTERRATE, ATTRAVERSO UN SISTEMA DI CANALIZZAZIONI INGLOBATO AI LATI DELLA COPERTURA PARALLELEPIPEDA PER NON PERMETTERE IL TRASBORDO DELL’ ACQUA DAL PORTALE NEI CASI DI PRECIPITAZIONI ECCEZZIONALI E QUINDI L’INEVITABILE ALLAGAMENTO DELL’ ASILO. LA COPERTURA PIANA, E’ INTERROTTA DALLA INTERSEZIONE DEI TRE VOLUMI TRONCO-CONICI CHE, PROSEGUENDO IL LORO SVILUPPO IN ALTEZZA, TERMINANO CON UNA CHIUSURA INCLINATA VERSO L’ESTERNO, RICHIAMANDO LE COPERTURE DEI CASALI AGRICOLI A DUE FALDE INCLINATE, SPARSI SU TUTTO IL TERRITORIO DELL ‘ AGRO ROMANO. L’ INGRESSO POSTO A SUD, DOVE INSISTE IL PARCHEGGIO PER GLI UTENTI, E’ SEGNATO DA UNA FENDITURA DELLA MEMBRANA IN C.A., IN POSIZIONE CENTRALE, TRA I DUE VOLUMI TRONCO-CONICI, ESSO E’ COSTITUITO DA UNA PRIMA ZONA DI ACCOGLIENZA E CONTROLLO CHE TERMINA CON UNA PORTA ROTANTE DI ACCESSO DIRETTO ALL’ AMBIENTE INTERNO: VARCATA LA PORTA, L’AMBIENTE CHE SI APRE SUBITO DOPO E’ DI GRANDE IMPATTO PLASTICO E LA MEMBRANA DI SOCIALIZZAZIONE A NORD LAMBISCE LA SEZIONE DEI PICCOLI, INDICANDO ALL’ UTENTE IL SECONDO ACCESSO AL GIARDINO ESTERNO. L’ AREA ESTERMA, E’ TRATTATA COME UNA VERA E PROPRIA PIAZZA PAVIMENTATA IN GRES PORCELLANATO BIANCO DA ESTERNO, POSTA A – 0.80 METRI, PIU’ BASSA RISPETTO AL PIANO DI CALPESTIO DELL’ASILO, IDONEA PER L’INSERIMENTO DEI GIOCHI PER I BAMBINI E PER IL MONTAGGIO DI STRUTTURE LEGGERE PER LA CREAZIONE DI LABORATORI TEMPORANEI DI STUDIO ALL’ APERTO O SERRE. QUESTA PIAZZA ESTERNA CHE GUARDA IL BOSCO, FRUTTA PIENAMENTE LA COMPONENTE AMBIENTALE DELL’AREA, QUI LE VISUALI SONO DI NOTEVOLE PREGIO E LA PIAZZA DIVIENE IL PONTE TRA LA NATURA E QUELLA COSTRUITA DELL’UOMO. LA CUCINA PER LA PREPARAZIONE DEI PASTI CON I LOCALI DI SERVIZIO ATTIGUI, TUTTI I LOCALI TECNICI PER GLI IMPIANTI, GLI SPOGLIATOI PER TUTTO IL PERSONALE ED IL LOCALE DETERSIVI, E’ POSIZIONATO SOTTO IL GRANDE AMBIENTE UNITARIO, AD UNA QUOTA DI – 3 METRI, MESSA IN COMUNICAZIONE DA UNA SCALA IN C.A. ACCORPATA AL BLOCCO ASCENSORE E MONTACARICHI E AD UN CAVEDIO PER IL PASSAGGIO DELLE TUBAZIONI DELL’ IMPIANTO FOTOVOLTAICO, DAL LOCALE TECNICO  AI PANNELLI POSIZIONATI IN COPERTURA. UN SECONDO PARCHEGGIO DI SERVIZIO PER TUTTO IL PERSONALE DELL’ASILO, E’ POSTO A NORD, SERVITO DA UNA STRADA INTERNA ALL’ AREA S CHE COSTEGGIA IL LATO OVEST DEL  LOTTO. IL NUOVO ASILO NIDO, NON VUOLE UN RAPPORTO PARITETICO CON LA NATURA, MA SI CONTRAPPONE AD ESSA COME NATURA COSTRUITA; COME UN VOLUME BASSO E COLORATO, INCASTONATO NEL TERRENO, ESSO VIVE AUTONOMAMENTE, LIMITANDO I COSTI DI GESTIONE NON SOVRAPPONENDOSI ALLA RETE IDRICA ED ELETTRICA DEL QUARTIERE, REGOLANDO LA VITA INTERNA ED ASSOCIATIVA DEI BAMBINI, VERI FRUITORI DEGLI SPAZI.

GIARDINO DIDATTICO

IL GIARDINO DIDATTICO SI SVILUPPA SUL LATO NORD-EST DELL’ ASILO NIDO, DIVENENDO IL NATURALE FILTRO TRA L’ EDIFICIO DI PROGETTO E IL NUOVO PARCO PUBBLICO CON L’ ANNESSA “ROTONDA”, DOVE VERRANNO POSIZIONATI I GIOCHI PER I BAMBINI. L’ ORGANIZZAZIONE INTERNA DEI PERCORSI PEDONALI, E’ SVILUPPATA PER ANELLI CONCENTRICI DELLA LARGHEZZA DI DUE METRI, REALIZZATI IN CONGLOMERATO DI COLORE VERDE PER UNA MIGLIORE INTEGRAZIONE E ALTERNATI DA BANDE PER IL VERDE, PER LA PIANTUMAZIONE DELLE ESSENZE ERBOREE. IL PERCORSO PIU’ ESTERNO, AD EST, DENOMINATO “DELL’ AVVENTURA”, E’ COSTITUITO DA UN PIANO ONDULATO PER ESERCITARE L’EQUILIBRIO DEI BAMBINI E TERMINA CON UN LABIRINTO ARTIFICIALE; QUESTO PERCORSO, CIRCOSCRITTO LUNGO TUTTO IL SUO PERIMETRO ESTERNO DA PIANTE DI GLICINI, METTE IN COMUNICAZIONE DIRETTA L’ASILO CON IL PARCO, CON UNA RAMPA PERPENDICOLARE CHE S’INNESTA NELLA MAGLIA PEDONALE CONCENTRICA DEL GRANDE GIARDINO PUBBLICO. QUESTA ZONA E’ RECINTATA DA UNA TRINCEA IN C.A. INTERRATA CON LA PRESENZA DI ACQUA A FILO D’ERBA PER IL RINFRESCAMENTO NEI MESI CALDI, CHE FUNGE DA BASE PER GLI ELEMENTI DI CHIUSURA VERTICALI IN ACCIAIO ZINCATO, INTERROTTA SOLO PER IL PASSAGGIO E L’INNESTO DEL CANCELLO. IL PERCORSO PEDONALE INTERNO, ADIACENTE ALL ‘ASILO, DENOMINATO “DEI COLORI E DEGLI ODORI”, E’ CARATTERIZZATO DALLA PRESENZA DI PERGOLATI IN LEGNO TEAK CON SPALLIERE PER LA CRESCITA IN VERTICALE DELLE PIANTE. SONO PREVISTE, QUI, PIANTE COME IL GELSOMINO DI SAN GIUSEPPE ED IL FALSO GELSOMINO PER LE SIEPI PERIMETRALI, MENTRE SUL PERGOLATO INSISTE L’ UVA FRAGOLA, OPPORTUNAMENTE POTATA E TOLTA NEL MESE DI SETTEMBRE. QUESTO PERCORSO CHE SI DIRAMA GRADUALMENTE, TERMINA CON UN LABIRINTO NATURALE, OTTENUTO DA SIEPI DELL’ALTEZZA DI 1 METRO; TUTTI I PERCORSI SONO COLLEGATI DA STRUTTURE IN LEGNO A PONTE, PER ESERCITARE L’EQUILIBRIO DEI BAMBINI  NEL PIENO DIVERTIMENTO DELL’ USO DELL’ ELEMENTO. NEGLI INTERSPAZI VERDI, SARANNO PIANTUMATE ANCHE DIVERSE VARIETA’ DI CLEMANTIS ED ALBERI DA FRUTTO, COME IL KAKI, IL SUSINO, IL NESPOLO ED IN  ZONE RECINTATE, NON ACCESSIBILI AI BAMBINI IL RIBES  ED IL MALUS., PERCHE’ SONO MOLTO BELLE DA VEDERE MA VANNO INSERITE CON I DOVUTI ACCORGIMENTI. IL MURO DI CONFINE IN C.A. A SUD, E’ RIVESTITO CON LA VITE DEL CANADA, UNA PIANTA SIMILE ALL’ EDERA CHE IN AUTUNNO ASSUME COLORI ROSSASTRI CHE DIVIENE UNA QUINTA SCENICA IDEALE PER LA VEDUTA INTERNA DEL GIARDINO DIDATTICO; ALTRI TIPI DI EDERA, DI COLORAZIONE VERDE SARANNO PIANTUMATE NEL PARCO PUBBLICO, COME SCHERMATURA DI TUTTO IL LATO ADIACENTE ALLA STRADA LOCALE ED AL NUOVO PARCHEGGIO PUBBLICO PERTINENZIALE PER RIDURRE L’IMPATTO AMBIENTALE DELLA NUOVA VIABILITA’ CHE A NORD-EST, TENDE A SALIRE GRADUALMENTE DI QUOTA. A NORD-OVEST, SI INSEDIA LA PIAZZA ATTREZZATA CON I GIOCHI PER I BAMBINI, ESSA E’ RIVESTITA CON UNA PAVIMENTAZIONE IN GRES PORCELLANATO DA ESTERNO DI COLORE BIANCO. TRA LA PIAZZA E IL GIARDINO DIDATTICO SI INNESTANO DELLE AREE ADIBITE AD ORTO BOTANICO, LATERALI AL PERCORSO PEDONALE SI CONNESSIONE DELLE DUE AREE, PER PERMETTERE AI BAMBINI DI INTERAGIRE CON LA TERRA ED INSTAURARE UN RAPPORTO DIRETTO CON LA NATURA.

CARATTERISTICHE DIMENSIONALI

AREA S = 5323 MQ

AREA IMBIBENTE = 1600 MQ

1600 MQ / 5323 MQ X 100 = 30 % AREA IMBIBENTE MINIMA => verificato

SUL ASILO DI PROGETTO = 1300 MQ FUORI TERRA (500 MQ INTERRATI)

1300 MQ > 1080 MQ (SUL MINIMA) => verificato

AREA PARCO + GIARDINO ASILO NIDO = 4000 MQ

5323 MQ – 1300 MQ = 4023 MQ > 4000 MQ => verificato

PARCHEGGIO PUBBLICO = 1O POSTI AUTO + 2 DISABILI = 12

PARCHEGGIO DIPENDENTI = 1 POSTI AUTO OGNI 2 DIP.TI = 7